Cerca nel sito
15 marzo 2019

INTERVENTI di CADF SULLE RETI ACQUEDOTTO NEL 2019

INTERVENTI di CADF SULLE RETI ACQUEDOTTO NEL 2019

Come ogni anno l’Azienda dedica una parte significativa delle sue risorse di investimento al miglioramento della rete acquedottistica.
L’antropizzazione del territorio ferrarese nell’area dell’Azienda è caratterizzata da una forte dispersione degli inurbamenti in un territorio relativamente vasto, stiamo parlando di 2.356 km di tubi su 1.313 km2 di territorio servito con 99.501 utenze (dati di dicembre 2018).
La rete acquedotto tra l’altro, di zona in zona è in condizioni manutentive molto disomogenee perché deriva dall’assemblaggio nel tempo di parti di reti realizzate e manutenzionate in origine da altri gestori, quali singoli Comuni ed enti privati o pubblici, secondo standards e dimensionamenti oramai obsoleti.
Anche la morfologia geofisica dei terreni non aiuta, essendo caratterizzata da ampie aree di origine alluvionale e di bonifica con componenti torbose e sedimentarie che determinano instabilità e capacità portante del terreno.
Risulta chiaro quindi come la parte di risorse dei programmi di investimento dedicate al tema del rinnovamento delle reti acquedottistiche sia sempre molto significativa. Negli ultimi anni è stato anche affrontato con notevole impegno il problema della condizione generale della rete in termini di riduzione delle perdite mediante la distrettualizzazione, l’efficientamento degli organi di manovra (valvole, misuratori, ecc.) e la ricerca dei guasti occulti.
In quest’ottica, nel 2019 gli interventi acquedottistici puntuali che si faranno sono:

Berra

Serravalle -Trombona: nuova condotta argine fiume Po

 €           50.000,00

Codigoro

Lido di Volano: sostituzione cavallotto staffato sul ponte Po di Volano

 €           50.000,00

Comacchio

Lido Pomposa: via Montenero/Montecroce: sostituzione tratti di condotta

 €           60.000,00

Comacchio

Volania: via Cappuccini: sostituzione tratto di condotta

 €         146.185,47

Comacchio

Porto Garibaldi: via Prov.le Ferrara-Mare: nuova  condotta

 €           97.456,98

Comacchio

Lidi Comacchiesi: rifacimento allacciamenti

 €           55.000,00

Copparo

Gradizza: via Prov.le per Formignana: nuova camera di manovra

 €         170.000,00

Copparo

Sabbioncello S. Vittore -via Mazzocca: sostituzione condotta

 €           60.000,00

Copparo

Ambrogio: via San Carlo/Ghiraldi: sostituzione ultimo tratto condotta

 €           92.000,00

Fiscaglia

Migliarino: via Quercia: sostituzione tratto di condotta

 €           30.000,00

Comacchio

San Giuseppe: via Romea Vecchia: sostituzione ultimo tratto di condotta

 €           40.000,00

Fiscaglia

Migliarino - via S.Lorenzo: nuova condotta da Bompani a SSFF Dogato

 €         223.565,66

Formignana

 via Provinciale per Finale: sostituzione tratto di condotta  

 €           78.348,51

Ostellato

via Giovanni XXII: sostituzione tratto di condotta

 €           52.232,34

Ro

via Dazio: sostituzione condotta

 €           62.678,80

Tra questi interventi, diversi sono quelli che sono stati programmati e progettati già a partire dall’anno scorso.
E’ importante ricordare che quando si progetta un intervento su di un tratto acquedottistico vengono ovviamente previsti gli spostamenti degli allacciamenti dalla vecchia alla nuova condotta ma di prassi viene valutata anche l’opportunità del rifacimento di tutto l’allacciamento ed il riposizionamento del contatore nelle posizioni previste dagli attuali standards, cioè di regola sul confine di proprietà. Inoltre, avvalendosi degli strumenti informatici di simulazione dei regimi idraulici nella rete viene verificato il dimensionamento della rete esistente per decidere se confermarne il diametro della condotta o prevederne uno maggiore, per garantire il servizio in termini di portata e pressione secondo standards adeguati.
Infine è opportuno chiarire come avvengono le scelte di dove intervenire.
Il Servizio di manutenzione aziendale ha sempre in essere un elenco di proposte di intervento che vengono costantemente mantenute in ordine di priorità sulla base di una serie di parametri valutativi, di cui il più importante è sicuramente la frequenza di guasto, pio vengono valutate anche le condizioni di sofferenza dell’erogazione del servizio idrico e l’entità dell’utenza beneficiata dall’intervento. Più propriamente viene valutato il costo di intervento per utente beneficiato, questo per garantire un utilizzo di risorse che benefici il maggior numero possibile di utenti.
Al termine di queste valutazioni quando viene stilato il piano investimenti complessivo, che tiene conto della ripartizione delle risorse in tutti i Servizi del ciclo dell’acqua gestiti dall’Azienda, (ovvero potabilizzazione, rete idrica, rete fognaria e depurazione), si decide nel modo più opportuno quanti e quali interventi portare in esecuzione.