Cerca nel sito
15 marzo 2019

BILANCIO PREVENTIVO 2019 – CADF SPA

BILANCIO PREVENTIVO 2019 – CADF SPA

 La gestione del servizio idrico integrato è stata affidata, con deliberazione dell’ex Autorità di Ambito di Ferrara n. 13 del 20/12/2004 a CADF spa fino al 2024. Sul territorio comprende i Comuni di Berra, Codigoro, Copparo, Comacchio, Formignana, Goro, Jolanda di Savoia, Lagosanto, Fiscaglia, Mesola, Ostellato, Ro Ferrarese e Tresigallo
Il bilancio di previsione ha un ruolo fondamentale come guida e controllo della direzione delle operazioni dell'azienda. Dopo aver definito gli obiettivi, infatti l'impresa deve intraprendere un percorso strategico per raggiungerli. Il bilancio di previsione rappresenta una sorta di checkpoint che permette agli amministratori non solo di correggere eventuali deviazioni ma anche di prevedere e prevenire o almeno ridurre l'effetto negativo di eventuali problemi o ostacoli che potrebbero presentare.
La tariffa calcolata negli anni 2012 e 2013 è stata determinata utilizzando il metodo indicato dal Consiglio d’Ambito con delibera n.37 del 30 dicembre 2013 che applicava il metodo transitorio tariffario ai sensi della deliberazione dell’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas n. 585/2012/R/IDR/ e 459/2013/R/IDR.
Per quanto riguarda gli anni 2014 e 2015 il riferimento è stato diverso in quanto abbiamo dovuto riferirci alla deliberazione del 7 agosto 2014 n. 433/2014/R/IDR, quale punto di riferimento, atto finale per le modalità di calcolo della tariffa per quegli anni.
Con deliberazione n. 664/2015/R/IDR l’Autorità ha approvato il metodo tariffario idrico per il secondo periodo regolatorio 2016-2019 (MTI-2), confermando l’impostazione generale del MTI ( Metodo Tariffario Idrico) e introducendo elementi di novità finalizzati a tener conto della necessità di promuovere gli investimenti, la sostenibilità dei corrispettivi tariffari all’utenza, i miglioramenti della qualità del servizio, nonché la razionalizzazione delle gestioni.
Il Consiglio d’Ambito di Atersir in data 25 luglio 2018 con proprio atto ha approvato l’aggiornamento biennale delle predisposizioni tariffarie del servizio idrico integrato elaborate in osservanza della metodologia tariffaria vigente (MTI-2), ai fini della relativa rideterminazione per le annualità 2018 e 2019 in applicazione della deliberazione ARERA n. 918/2017/R/idr, per il bacino tariffario di Ferrara gestito da CADF spa. Con l’atto citato, sono stati definiti i moltiplicatori tariffari per le annualità 2018 e 2019, che sono rispettivamente pari ad 1,515 e 1,190 e quindi gli aumenti sono pari al 3,4% e 3,38%.
Il preventivo economico presentato è stato redatto in conformità alle disposizioni di legge, oltre che ai principi contabili e normativi indicati dalle norme dedicate nel codice civile.

Il valore complessivo dei ricavi ammonta a € 28.617.115. Le voci maggiori sono i ricavi dalla vendita di acqua (€ 27.887.115), incrementi di immobilizzazioni per lavori interni ( € 330.000) e altri ricavi e proventi (€ 400.000). I ricavi provenienti dalla vendita di acqua potabile ammontano ad € 19.779.460 e derivano dalla vendita di 9.200.000 mc di acqua. Il prezzo medio ammonta a 2,204289 €/mc. Si è stimato di applicare la tariffa di fognatura e depurazione su 6.900.000 mc. come preventivato negli anni precedenti. Il ricavo stimato per l’anno 2019 ammonta a € 1.660.982 per la fognatura e a € 4.926.673 per la depurazione. Il canone fognatura è di € 0,240722 al metro cubo sul 100% del volume di acqua erogata, il canone di depurazione è pari ad € 0,692271 al metro cubo sul 100% del volume di acqua erogata. I proventi che si prevedono di percepire l’anno prossimo dai nostri impianti di depurazione dotati di specifica autorizzazione ammontano a € 800.000. Tali ricavi derivano dal trattamento del percolato proveniente dalle discariche dei rifiuti solidi urbani ancora in esercizio oppure già chiuse e dal trattamento di bottini provenienti da tutto il territorio nei nostri impianti di depurazione di Comacchio e di Codigoro.
Il totale dei costi della produzione ammonta a € 27.977.115. La tabella sotto riportata i costi nelle loro voci principali:

MATERIE PRIME

€ 2.371.450

SERVIZI

€ 8.610.665

GODIMENTO BENI DI TERZI

€ 2.135.000

PERSONALE

€ 8.400.000

AMMORTAMENTO

€ 5.020.000

SVALUTAZIONE CREDITI

€ 500.000

ACCANTONAMENTO RISCHI

€ 500.000

ONERI DIVERSI

€ 440.000

COSTO TOTALE DELLA PRODUZIONE

€ 27.977.115

La differenza tra il valore ed i costi della produzione ammonta a € 640.000. Questo risultato evidenzia lo sforzo della società per ridurre sempre in modo costante i costi aziendali mantenendo un aumento delle tariffe in linea con le decisioni prese da AEEGSI (Autorità per l'energia elettrica il gas ed il sistema idrico) .
Gli interessi passivi ammontano ad € 140.00 e sono relativi agli interessi maturati sui mutui accesi per realizzare gli investimenti.
Le imposte stimate per l’esercizio 2019 ammontano a € 500.000.
Il bilancio d’esercizio preventivo 2019 chiude in pareggio