Cerca nel sito
17 ottobre 2019

Tieni aggiornata la tua utenza

Tieni aggiornata la tua utenza

Le fatture elettroniche vanno sempre inviate ai propri clienti attraverso il Sistema di Interscambio. Il Decreto Ministeriale del 7 marzo 2008 ha individuato l'Agenzia delle Entrate quale gestore del Sistema di Interscambio e la Sogei quale apposita struttura dedicata ai servizi strumentali ed alla conduzione tecnica. Il Sistema informatico che agevola l’invio e la ricezione delle fatture elettroniche, può essere paragonato ad un centro di smistamento della posta. Questo sistema controlla tutta la posta che gli arriva, spedisce al mittente la posta che non supera i controlli mentre inoltra la posta che supera i controlli.

Il Sistema di Interscambio esegue alcuni controlli a partire dagli estremi identificativi del fornitore e del cliente: questo tipo di controllo ha dato origine a parecchi scarti dovuti all’assenza o errato codice fiscale del cliente. La mancanza o l’errato codice fiscale/ partita iva del cliente non permette l’inoltro della fattura al cliente.

Le bollette scartate devono essere obbligatoriamente annullate e di conseguenza l’utente non si vede più pervenire la bolletta.

Sono in corso i controlli per eliminare gli errori bloccanti al fine di ripristinare la fatturazione.

Si consiglia di verificare il codice fiscale o partita iva riportato in una delle bollette ricevute negli anni precedenti e segnalare gli eventuali errori riscontrati.

Bisogna prestare particolare attenzione alle utenze intestate a persone defunte: occorre affrettarsi ad effettuare la voltura del contratto in favore di chi utilizza il servizio di acqua potabile. Lasciando l’utenza a nome di una persona deceduta si rischia la sospensione della fornitura perché il Sistema di interscambio blocca l’invio della fattura.

Inoltre, la nuova struttura tariffaria consente l’applicazione della tariffa ad uso domestico residente solo se l’intestatario del contratto di fornitura è effettivamente residente nell’immobile oggetto della fornitura. Si consiglia di verificare se il contratto in essere è a nome di una delle persone residenti nell’ immobile oggetto della fornitura al fine di poter usufruire dei vantaggi previsti per i soli residenti.