Cerca nel sito

Sportello Online è lo sportello attivo 24 ore su 24, che C.A.D.F. S.p.A. ha realizzato per i propri clienti che dispongono di un collegamento a internet. Dal proprio computer, con Sportello Online i clienti di C.A.D.F. S.p.A. potranno effettuare le operazioni per cui normalmente si recano allo sportello. Velocemente, senza trasferte e senza costi, da casa o dall’ufficio, è lo sportello on-line.

Login utenti registrati   

Richiesta password - Utenti non registrati

Non sono utente C.A.D.F.     

.

Scopri cosa serve per....

Nuovo allacciamento o riapertura di utenza cessata

La richiesta di nuovo allacciamento comporta la fornitura di acqua potabile ad un immobile che ne è attualmente sprovvisto.
Se in precedenza lo era, occorrerà identificare la posizione contrattuale precedente tramite una bolletta o codice di servizio (indicato nella stessa) o numero di matricola (leggibile sul contatore).
Se il contratto richiesto è ad uso domestico o non domestico (attività produttive) e l’immobile non ha mai usufruito dell’erogazione dell’acqua potabile oppure ne usufruiva, ma con un contratto ad uso cantiere, sarà necessario essere in possesso della dichiarazione di ultimazione lavori o del certificato di abitabilità/agibilità.

Per l'attivazione di un nuovo contratto l'utente dovrà presentarsi ai nostri sportelli con i documenti di seguito elencati oppure inviare, anche a mezzo fax al numero 0533/725229, l'apposito modulo di richiesta ed i relativi allegati debitamente firmati.
Sarà nostra cura predisporre il contratto richiesto che verrà inviato all'utente per la sottoscrizione. Una copia dello stesso dovrà quindi essere ritornata al nostro Ufficio Utenza per il completamento della pratica e l'invio del tecnico per il preventivo di spesa e/o l'allacciamento.

Documenti necessari:

  1. codice fiscale o P.IVA
  2. documento d'identità del firmatario
  3. numero e data iscrizione alla CCIAA o all'albo professionale o autocertificazione
  4. dati catastali dell'immobile (foglio, mappale, sub) o autocertificazione
  5. nulla osta del proprietario dell'immobile nel caso in cui l'intestatario del contratto non sia il proprietario o copia del contratto di affitto registrato
  6. copia bolletta relativa all'utenza da riaprire o codice servizio; al momento della richiesta di riapertura non devono risultare bollette insolute
  7. copia permesso di costruire (per nuovo allacciamento uso cantiere e uso antincendio)
  8. copia Certificato di Abitabilità/Agibilità o Certificato di ultimazione lavori (per nuovo allacciamento uso domestico residente/non residente e uso attività produttive)
  9. copia delibera nomina amministratore (per gli usi condominiali)

Voltura utenza

Per modificare l’intestazione di un contratto di un’utenza attiva, cioè variare a proprio favore le bollette di consumo, che attualmente sono emesse a nome di un precedente proprietario o inquilino, occorre identificare l’utenza a cui si subentra attraverso una bolletta precedente o codice di servizio (indicato nella stessa) o numero matricola (leggibile sul contatore).
In caso di voltura da uso cantiere a uso domestico (attività produttive) sarà necessario essere in possesso della dichiarazione di ultimazione lavori o del certificato di abitabilità/agibilità.

Per l'attivazione di un nuovo contratto l'utente dovrà presentarsi ai nostri sportelli con i documenti di seguito elencati oppure inviare, anche a mezzo fax al numero 0533/725229, l'apposito modulo di richiesta ed i relativi allegati debitamente firmati.
Sarà nostra cura predisporre il contratto richiesto che verrà inviato all'utente per la sottoscrizione. Una copia dello stesso dovrà quindi essere ritornata al nostro Ufficio Utenza per il completamento della pratica.


Documenti necessari:

  1. codice fiscale o P.IVA
  2. documento d'identità del firmatario
  3. numero e data iscrizione alla CCIAA o all'albo professionale o  autocertificazione
  4. dati catastali dell'immobile (foglio, mappale, sub.) o autocertificazione 
  5. nulla osta del proprietario dell'immobile nel caso in cui l'intestatario del contratto non sia il proprietario o copia del contratto di affitto registrato
  6. copia bolletta relativa all'utenza da volturare o codice servizio; al momento della voltura non devono risultare bollette insolute
  7. lettura contatore
  8. copia ultimazione lavori o Abitabilità/Agibilità (per la variazione da uso cantiere a uso domestico o attività produttiva)
  9. copia della delibera di nomina ad amministratore (per gli usi condominiali)

Suddivisione di utenza

Quando si richiede l’installazione di un contatore per separare una singola unità immobliare od appartamento, da contatore ad uso condominiale che fornisce acqua a due o più appartamenti occorre fornire gli estremi identificativi dell’utenza da cui si richiede il distacco o suddivisione quali bolletta precedente o codice servizio (indicato in bolletta) o numero matricola (leggibile sul contatore).

Per l'attivazione di un nuovo contratto l'utente dovrà presentarsi ai nostri sportelli con i documenti di seguito elencati oppure inviare, anche a mezzo fax al numero 0533/725229, l'apposito modulo di richiesta ed i relativi allegati debitamente firmati.
Sarà nostra cura predisporre il contratto richiesto che verrà inviato all'utente per la sottoscrizione. Una copia dello stesso dovrà quindi essere ritornata al nostro Ufficio Utenza per il completamento della pratica e l'invio del tecnico per il preventivo di spesa e/o l'allacciamento.

Documenti necessari:

  1. codice fiscale o P.IVA
  2. documento d'identità del firmatario
  3. numero e data iscrizione alla CCIAA o all'albo professionale o autocertificazione
  4. dati catastali del''immobile (foglio, mappale, sub.) o autocertificazione
  5. nulla osta del proprietario dell'immobile nel caso in cui l'intestatario del contratto non sia il proprietario o copia del contratto di affitto registrato
  6. copia bolletta relativa all'utenza da cui si richiede la suddivisione o codice servizio o matricola contatore

Disdetta utenza

Gli utenti che intendano recedere dal contratto di fornitura devono darne comunicazione scritta a CADF S.p.A. che provvederà alla rimozione del contatore.
In caso di decesso dell'utente la disdetta può essere chiesta da un erede.
Nella richiesta dovrà indicare dove inviare l'ultima bolletta e il recapito telefonico in caso il contatore non sia accessibile.

clicca qui per il modulo di richiesta disdetta

Il rimborso dell'eventuale credito avverrà con l'invio di assegno circolare all'indirizzo indicato.
In caso di decesso dell'utente il rimborso potrà essere chiesto da uno degli eredi presentando una dichiarazione sostitutiva di certificazione elencante gli eredi dell'intestatario dell'utenza suddetta (clicca qui per il modulo), precisando che lo stesso è deceduto e una dichiarazione sottoscritta da ciascun erede con la quale autorizza l'erede designato alla riscossione del credito (clicca qui per il modulo).

Variazioni contrattuali

Per la richiesta di variazione contrattuale, dovrà essere inviato a C.A.D.F., per posta o a mezzo fax al numero 0533/725229, l'apposito modello di richiesta debitamente firmato.

VARIAZIONE RECAPITO BOLLETTE
La variazione di recapito delle bollette può essere comunicata anche telefonicamente al nostro Ufficio Utenza oppure con lettera in carta semplice sottoscritta dal titolare dell'utenza, recante l'indicazione del codice utente o codice di servizio (indicato sulle bollette) ed il nuovo indirizzo dove recapitare le bollette.

VARIAZIONE AMMINISTRATORE
La nomina ad amministratore deve essere comunicata con allegata relativa copia del verbale di assemblea.

VARIAZIONE ASSOGGETTAMENTO CANONI FOGNATURA E DEPURAZIONE
Qualora l’utente ritenga che il proprio immobile non sia allacciato alla pubblica fognatura, in quanto lo scarico è stato autorizzato in acque superficiali, suolo o sottosuolo ecc., può inoltrare una richiesta di esenzione canone a cui farà seguito un sopralluogo del nostro personale incaricato.

AUTOCERTIFICAZIONE RESIDENZA
Per la variazione di tariffa da domestico non residente a domestico residente deve essere inoltrata anche a mezzo fax al numero 0533/725229 una autocertificazione di residenza con allegata fotocopia del documento d'identità del titolare dell'utenza.

Denuncia rottura impianto privato

L'utente che rilevi una fuga di acqua nel proprio impianto privato ed intende richiedere l'applicazione della tariffa rotture e/o il riconteggio del consumo assoggettato ai canoni fognatura e depurazione, deve darne tempestiva comunicazione scritta a C.A.D.F. S.p.A. inviando, anche a mezzo fax al numero 0533/725229, una richiesta sottoscritta dal titolare dell'utenza, contenente l'indicazione del codice di servizio, il mese in cui si è riscontrata la rottura e la lettura del contatore dopo la riparazione.
clicca qui per il modulo di richiesta riconteggio consumi

Addebito permanente in conto corrente

Per l'addebito permanente in c/c bancario o postale è sufficiente inviarci, anche a mezzo fax al numero 0533/725229,  il modulo SEPA debitamente compilato e sottoscritto.

Agli utenti che attivano la domiciliazione permanente delle bollette in c/c verrà restituito nella prima bolletta utile il deposito cauzionale eventualmente versato comprensivo degli interessi legali maturati.

clicca qui per il modulo SEPA

Riapertura presa chiusa per morosità

Per riottenere la fornitura di acqua potabile in caso di chiusura della presa per morosità occorre effettuare un versamento sul c/c postale 11095445 pari all'importo totale delle bollette scoperte e un versamento sul c/c postale 11095445 per l'importo di € 220.00 per ogni concessione quali diritti di riapertura.
I versamenti eseguiti dovranno essere segnalati via fax al n. 0533/725229 affinchè sia possibile predisporre prontamente la riapertura della presa.